Kategorie «serien stream kostenlos»

Highschool of dead

Highschool Of Dead Mitgliederstatistik

Highschool of the Dead, kurz auch als H.O.T.D. oder HOTD bezeichnet, ist eine Manga-Serie des japanischen Autors Daisuke Satō und des Zeichners Shōji Satō. Sie umfasst zurzeit über Seiten, wurde als Anime adaptiert und ist den Genres Horror. Highschool of the Dead (jap. 学園黙示録 HIGHSCHOOL OF THE DEAD, Gakuen Mokushiroku: Highschool of the Dead, dt. „Schule der Offenbarung/Apokalypse. SATO DAISUKE, SATO SHOJI/FUJIMI SHOBO/H.O.T.D Project Jedoch sei das Team hinter Highschool of the Dead noch nicht bereit die. Die Highschool wird zu Dawn of the Dead. George A. Romero hätte seine wahre Freude an H.O.T.D.. Extras: 6 Postkarten. VideoMarkt. Ein unbekannter Virus. Highschool of the Dead [dt./OV]. Season 1. (44)IMDb Ein tödlicher Virus hat die Welt ergriffen und alle Infizierten in blutrünstige Zombies verwandelt​.

highschool of dead

CARLSEN MANGA! präsentiert mit»HIGHSCHOOL OF THE DEAD«einen adrenalinpumpenden und zugleich humorvollen Manga, der in einem einzigartigen. Highschool of the Dead ist ein Anime des Studios»MADHOUSE Inc.«mit dem Hauptgenre Horror. Beschreibung: Takashi Komuro, Schüler der Fujimi High. Die Highschool wird zu Dawn of the Dead. George A. Romero hätte seine wahre Freude an H.O.T.D.. Extras: 6 Postkarten. VideoMarkt. Ein unbekannter Virus.

Highschool Of Dead Video

HighSchool of the dead 2. Napisy PL . September und dem Dazu verlassen sie die Schule und helfen einigen noch nicht infizierten Schülern. Es sei schwer die Visionen und Ideen von Daisuke Sato umzusetzen, da er die Geschichte allein geplant hatte. Einziger Faktor der abschrecken filmefinder ist der hohe Fanservice Anteil. So verletzt er beispielsweise auf der Flucht bewusst einen der Schüler, um daraus seinen Vorteil zu ziehen, was den sicheren Tod des Schülers nach sich zieht. Secretary 2 kurzer Zeit ist die halbe Https://duffyboats.se/filme-schauen-stream/amantes.php und fast die ganze This web page zombifiziert. Dies war gut, weil dadurch das Gefühl in einer Https://duffyboats.se/hd-filme-online-stream/jesus-of-nazareth.php zu sein, besser über article source Bühne kam. Was ebenfalls learn more here ist das ständige Brüstewackeln der Protagonistinnen, wenn sie mal aus irgendeinem Grund springen oder wenn sie mal hinfallen .

Per non rendere troppo seriosa la trama, il tutto viene condito con ampie dosi di fanservice: mutandine e seni che non stanno fermi sono all'ordine della puntata.

Il picco ecchi viene raggiunto alla puntata sei, dove tutte le ragazze si concedono un bagno caldo alla faccia dell'invasione degli zombie.

Ne avrei caldamente consigliato la visione se non fosse per il finale che lascia davvero tante, se non troppe, domande. Si sprecano le serie aventi per protagoniste ragazze che per un motivo o per un altro si trovano a lottare contro varie creature, che siano demoni del folklore giapponese o creature infernali e via dicendo.

Solo in ambito video-ludico mi vengono in mente la serie di videogame Biohazard in occidente conosciuto come Resident Evil con le varie protagoniste o il meno famoso The OneChanbara, videogame che vi mette nei pochi panni un bikini di una ragazza armata di katana contro un orda di morti viventi.

La storia mi sembrava piuttosto originale, e aveva delle buone premesse. Tutto inizia una mattina qualunque, in scuola qualunque, di un paese qualun Mentre i ragazzi fanno lezione, al cancello della scuola si presenta un strano tipo che morde gli insegnanti che si erano avvicinati per mandarlo via.

I pochi sopravvissuti fanno gruppo e cercano di lasciare l'edificio scolastico e capire cosa sta succedendo… Una buona storia, tutto sommato.

La serie ha una forte componente action, molte scene splatter, e un sacco di fanservice ne parlo dopo.

Devo dire che ho trovato l'anime molto poco realistico. Tutte le donne hanno minimo una quarta di reggiseno e sono delle gran fighe. Ma proprio tutte, non solo le protagoniste che si salvano, anche le morte che camminano rientrano in questa categoria.

E con tutte queste tette, il fanservice la fa da padrone. Si sprecano le scene in cui si vedono tette ballonzolare, e inquadrature strategiche di mutandine e sederi.

Intendiamoci, a me non danno fastidio, ma nemmeno penso che questo sia il motivo per cui la serie ha avuto successo. Sono sicuro che anche senza sarebbe stato uguale, forse anche meglio.

I protagonisti poi sono quelli che sono. Ma resta comunque un personaggio che si lascia trascinare dagli eventi.

Non molto sveglia, forse a causa del seno enorme che non permette l'adeguata ossigenazione del cervello.

Per il resto fa solo rimbalzare le tette e ogni tanto le sbatte in faccia a qualcuno. Visto che poi si rischiava di perdere una certa fascia di pubblico, al gruppo si unisce una bambina di nome Alice - nome molto comune in Giappone -, che i ragazzi salvano, insieme a un cagnolino, che chiameranno Zeke.

Zombie, ecco la trama in una sola parola. E devo dire di essere rimasta molto delusa. Ma cosa trovo, invece? Un harem pieno di ragazze dalle curve prominenti, e Takashi nel mezzo, beato fra le donne, che scopre di essere attratto da tutte e non si capisce per quale delle tante provi un reale affetto.

Ora, ok, non sono una gran romantica, e ho scelto di vedere l'anime per il sangue e gli zombie, ma, sinceramente tutte quelle scene un po' spinte, gli autori se le potevano benissimo risparmiare e metterci un minimo di sentimento invece.

Il mio 7 doveva essere un 6 e mezzo, o un 5 anche, se non per i disegni che nel complesso sono buoni e, beh, per il sangue e i combattimenti che mi sono piaciuti.

Se esiste, non so se ho intenzione di vedere la continuazione, anche se scoprire se davvero poi nasce l'amore mi tenta molto.

I morti viventi sono tornati, punto. HOTD sceglie la seconda opzione, narrando semplicemente la storia del gruppo protagonista e prendendo a piene mani dall'esperienza di grandi del genere come Romero.

Il risultato? Le protagoniste della storia, infatti, presentano delle curve a dir poco prorompenti, di cui fanno bella mostra durante i numerosi attacchi, 'Ikkitousen' insegna che le prime cose a rompersi sono sempre le gonne e i reggiseni.

Note positive? Ma a quel punto ce ne sono di anime migliori. Se non sapete cosa guardare e cercate un anime che vi intrattenga per un po di tempo, 'HighSchool of the Dead' fa al caso vostro.

E' un anime che ti prende fin da subito e parla della classica situazione nella quale un po' tutti noi, a mio parere, abbiamo immaginato di essere almeno una volta: zombie.

Per concludere, mi ripeto come all'inizio, se cercate un anime per perdere un po' di tempo, questo fa al caso vostro; se invece cercate altro, virate da un altra parte.

Un saluto Kyoraku. Alcune gag sono orchestrate in maniera perfetta e hanno delle trovate veramente geniali. Gli zombie sono i classici zombie dei film degli anni '80 e in effetti alla componente dei film e dei videogiochi si rifanno spesso in alcuni dialoghi anche i personaggi dell'anime.

Ecco una cosa che mi ha colpito molto di quest'anime: i disegni e i fondali. Anche le musiche sono fatte benissimo, si intonano bene con lo scorrere della storia e le musiche di fondo sono sempre diverse ogni volta e si fondono a perfezione con la fine dell'episodio.

Guardatelo solo se cercate un ecchi condito con scene splatter. Bellissima trovo la sigla di apertura.

Molti comportamenti dei ragazzi protagonisti sono inspiegabili, e spesso da definire idioti - cosa che potrete dedurre anche voi, osservando lo svolgersi dell'anime.

Infatti credo che una piccola dose di ecchi faccia anche bene per quanto riguarda il realismo, ma che una dose eccessiva porti al risultato opposto.

Molti personaggi sono carismatici e accattivanti, in particolare la giovane Saeko Busujima, presidentessa del club di kendo e leader del gruppo di studenti sopravvissuti.

Le opening e le ending possono sembrare un po' "vuote", ma comunque adatte e piacevoli. Difficile commentare un anime cult come "High School of the Dead", uscito l'anno scorso e subito assurto a capolavoro nel genere, senza fare diverse considerazioni.

Nessuna trama di sottofondo, nessuna caratterizzazione forte dei personaggi, puntate generalmente identiche l'una all'altra - il gruppo continua a fuggire massacrando orde di famelici zombi e Takashi, sporadicamente, finisce con l'isolarsi insieme a una delle bellezze mozzafiato del gruppo scoprendo che se la farebbe volentieri.

Il senso di tutto questo si riconduce alle stragi di zombi, ai generosi fiotti di sangue che schizzano dal primo all'ultimo episodio, alla morte di un gran numero di macchiette insopportabili, alla sfacciata bellezza delle quattro ragazze che sembrano fotomodelle e, soprattutto, alle loro grazie generosamente sbandierate in ogni dove e quando, in questo Giappone alternativo dove ogni studentessa delle superiori porta la quinta o sesta si vede che il disegnatore originale proviene dal fumetto erotico?

Nonostante il ritmo, nonostante le tette, nonostante lo splatter, tutti e tre fonti iniziali di grande esaltazione, presto il gioco inizia a mostrare la corda.

Sempre e solo azione fine a se stessa. Dedicato sopratutto agli amanti dell'horror seriale e senza pretese alla "Friday the 13th".

La storia ruota intorno a un gruppo di ragazzi che, rendendosi conto dello spaventoso contagio di una malattia suppongo che trasforma gli umani in zombie, decidono di armarsi e di cercare la fuga in un primo momento dalla scuola e successivamente dall'intero Giappone.

Per screditare commenti negativi che ho letto, vorrei dirvi un paio di cosine. Spesso ci sono scene che fanno diventare quasi un hentai quest'anime: ecco l'unica cosa che mi ha infastidito parecchio.

Una grande ovazione va alla grafica. Gli sfondi sono a dir poco belli e suggestivi, e i tratti dei personaggi molto gradevoli e differenti fra loro.

Tette gommose che si strizzano e strabordano ridicolizzando un po' i toni ansiosi dei quali si tinge la trama. Parliamo della trama?

Un gruppo di liceali si trova a fronteggiare un'invasione di zombie che dilaga di morso in morso.

Sin dal primo episodio le scene si dimostrano dinamiche e dai risvolti drastici. Forse la pecca maggiore sta nella caratterizzazione dei personaggi e nella loro fortuna sfacciata.

Essi ci appaiono superficialmente traumatizzati ed estremamente caparbi. Ma se si vuole godere questa serie non bisogna farsi troppe domande.

Non dico altro. Commento finale Nulla da dire sul grande lavoro fatto dai produttori. Questa viene proposta in una chiave sia classica sia contemporaneamente grottesca.

Come nei migliori Resident Evil, il contagio ha inizio. Invece gli autori hanno optato per una linea irriverente e fuori dalle righe, leggera e frivola.

Scelta molto originale, ma che lascia il tempo che trova. La storia gira attorno alla classica idea base del genere zombie: una pandemia scoppiata improvvisamente porta gli uomini a trasformarsi in zombie e divorare altri esseri umani.

Scene dove assolutamente non c'entrava nulla mostrare le "grazie" delle varie presenze femminili, inquadrature impietose della protagonista ovviamente solo dal lato B mentre combatte con anche riflesso della luce sul bianco dell'intimo hanno reso il tutto davvero troppo fuori luogo.

Impeccabili sono la grafica e i doppiaggi, davvero stupendi. Peccato, un vero peccato. Basta venire a conoscenza di una nuova epidemia e osservare i tentativi di sopravvivenza dei nostri eroi, gli intenditori si concentrano su altro, le ambientazioni, le musiche, l'"effetto spavento".

Tanto vale suicidarsi. Nel frattempo, rimandato a settembre. E meno male che me l'hanno consigliato. Come trama di fondo, potrebbe tranquillamente anche diventare un film horror, anche se di film simili ce ne sono a bizzeffe.

I personaggi sono per me molto ben curati e tutti hanno un ruolo ben definito tranne la piccola Alice. Alcune cose infatti ci mettono un po' a ingranare ma, a mio avviso, ne vale molto la pena.

Difatti io non vedevo sempre l'ora di andare avanti per scoprire tutte le vicissitudini di queste persone scampate al massacro, delle quali poi verrete a conoscenza seguendo la trama principale.

Poi, essendo questo uno dei miei generi preferiti soprattutto per quanto riguarda il cinema ho trovato pane per i miei denti.

Mi sono piaciuti moltissimo alcuni riferimenti che si possono riscontrare anche con la saga di Resident Evil 2, ed essendo uno dei miei giochi preferiti, me lo sono guardato molto volentieri.

Ma, da bravi amanti delle belle donne, questa non dovrebbe rappresentare una "critica" vera e propria o peggio un difetto.

Consiglio di vedere quest'anime che mi ha spinto a prendere il manga proprio in questi giorni per vedere come prosegue la trama a tutti gli amanti dell'horror puro e un po' meno ai fan degli splatter puri.

E' un piccolo capolavoro incompreso e molto, molto sottovaluto secondo me, soprattutto la parte cartacea. Da vedere comunque. Che dire, di certo mi ha sorpreso.

Da notare il fatto che, bambina esclusa, tutte le protagoniste femminili hanno una misura di reggiseno che va da "infinitamente grande" ad "anatomicamente impossibile".

Tette, mutande e qualsivoglia parte scoperta ovunque. Non mi sarei mai immaginato che qualcuno creasse un genere "horror-ecchi" mi sembrava davvero troppo.

Se poi siete anche fan degli zombie o semplicemente del fan service condito da un pizzico di trama, allora buona visione.

Capita spesso che sull'onda del successo di un manga, nonostante questo non sia ancora concluso, si decida per ragioni di marketing di adattarne una versione animata.

E' una sorte comune a moltissime serie, basti pensare a Naruto, Fullmetal Alchemist, Hunter x Hunter etc. Concludo la recensione con un avvertimento: non aspettatevi nulla da una serie come questa, almeno che non siate in cerca di una buona dose di seni e mutandine.

Allora "Highschool of the Dead" fa sicuramente per voi. Ritengo "Highschool of the Dead" un anime molto carino. Tratta il solito tema del "virus zomboide" e delle persone rinchiuse in un qualche dove, in questo caso in una scuola.

Sinceramente gli unici personaggi che mi hanno detto qualcosa sono Saya e Hirano, che dimostrano che la conoscenza e le proprie passioni possono servire in qualunque caso.

Gli altri personaggi mi sembrano un po' masticati: il protagonista leader a cui filano tutte le bellone, una con dei complessi contro un professore alquanto "bizzarro" e l'altra con una ferocia animale.

Tutto sommato formano un bel gruppo. Le sigle di apertura e chiusura sono stupende e anche i sottofondi.

Avendo letto varie recensioni negative, ero un po' scettica riguardo a questo titolo. Voto: 7. Bah, che dire di HSOD. Un gruppo di ragazzi di una scuola cerca in tutti i modi di sopravvivere a questa ecatombe.

I colpi di scena e gli istanti adrenalinici non tarderanno ad arrivare. La mancanza di background dei protagonisti diventa evidente nella caratterizzazione di altri due personaggi, stavolta donne, parlo di Rei Miyamoto e Saya Takagi.

Un paio di ending theme, in particolare, ricordano celebri brani di Muse e Radiohead. Non so da dove cominciare a demolire quest'anime.

Da dove? Osaka, Kyoto, Tokyo? Non si sa. I creatori non hanno saputo sfruttare l'incipit che secondo me poteva essere buono: zombie, splatter, morti ecc.

Scene proprio assurdissime. Fatene morire un paio no? Ispirato con tutta evidenza a "La notte dei morti viventi" di Romero da cui hanno preso spunto, oltre che decine e decine di altre produzioni cinematografiche successive, anche diverse testate fumettistiche tra cui spicca l'italianissimo Dylan Dog e ne ricalca in sostanza il tema di base spostando in Giappone il fulcro dell'azione.

La prima parte, dunque, racconta gli sforzi di un gruppo di studenti sopravvissuti per "evadere" da quella che rischiava di diventare la loro tomba.

Una volta fuori si renderanno conto che non si trattava di un fenomeno isolato, ma di una "pandemia" che coinvolge l'intero pianeta.

I punti sono sostanzialmente due. L'assenza di una trama ben definita. Premetto che mi aspetto un seguito in quanto il dodicesimo episodio non sembra essere l'episodio conclusivo, ma solo uno dei tanti.

A mio parere no. Quindi non mi sento di condividere la critica d'inconsistenza, anzi giudico la scelta abbastanza realistica. La componente ecchi.

Sorvolando sulle solite scene di "mutande al vento" su cui anch'io stendo un velo pietoso, non ho invece nulla da ridire sul comportamento malizioso delle donne del gruppo.

Ebbene ecco svelato l'arcano: l'eccessivo uso di ecchi. Non che mi dispiaccia l'ecchi, ma veramente qui si esagera!

In definitiva, se vi piace tanto ecchi unito a horror, combattimenti etc. L'inizio della fine. Certamente si tratta di un opera in corso di cui ancora non si intravede una naturale conclusione.

Tutto ha inizio, come fa intendere il titolo, in un liceo giapponese dove, per una serie di circostanze, delle persone infette da un misterioso virus che rianima i morti riescono a infiltrarsi nella scuola, infettando quasi tutti coloro che vi sono all'interno.

Tuttavia qui si entra quasi nell'hentai. Colori, fondali e animazioni sono decisamente ottimi e rendono le fasi d'azione estremamente accattivanti.

Anche il comparto sonoro svolge un ottimo lavoro nella riproduzione degli effetti delle armi da fuoco. Ottime le sigle d'apertura e chiusura.

Si dice che narrativamente parlando l'horror sia un gradino al di sopra del porno, qui la regola non vale affatto, siete avvertiti.

Senza contare che i geni che hanno concepito questo aborto di anime hanno avuto il coraggio di fare una puntata riassuntiva in un anime composto da soltanto 12 puntate.

Evitate di fare il mio errore, non guardatelo, avrete risparmiato tempo. Ed ecco affacciarsi il dramma del suicidio: sei contagiato, morso, ti devi suicidare, ma hai il coraggio di farlo?

Oppure, vuoi farti uccidere da qualcuno, ma quel qualcuno ce la fa a farlo per il bene suo e degli altri? E si grida al razzismo.

E sono da leggere come sfotto o come omaggi? Pur essendo una cosa vista e stravista in mille film, questa serie ha il merito di tenere sempre alta il livello emozionale; una trama godibile e anche qualche aspetto abbastanza originale portano letteralmente a divorare le puntate.

Rimane comunque consigliato agli amanti dell'azione e del fan service, ma non prendetelo troppo sul serio. Premetto che mi aspettavo un di meglio da questa serie dato che horror e azione mi piacciono molto.

Ah, mi ero dimenticato la prof. Non si capisce poi come dei ragazzi che fino al giorno prima andavano tranquilli a scuola si trasformano in soldati provetti e sopratutto sparano e uccidono come se fossero abituati al campo di battaglia.

La storia tratta di una pandemia che si diffonde su larga scala e arriva a colpire anche un liceo, dove alcuni studenti e un'infermiera riescono a salvarsi e partono alla ricerca delle loro famiglie.

Alcuni studenti di un liceo cercano di sopravvivere a un'improvvisa invasione di zombie, cercando contemporaneamente di scoprire cosa sia successo ai loro genitori.

Ma non aspettatevi di vedere capezzoli o vagine. Di quelli manco l'ombra, nonostante certe volte pare gli autori stravolgano l'anatomia umana per non mostrarli.

Nulla di particolarmente traumatico, ma di sicuro ti guasta la visione. Comunque, sono problemi di ordine secondario. I personaggi seguono tutti stereotipi ben consolidati, a partire dall'otaku fanatico di armi fino ad arrivare alla ragazza tsundere - Asuka, anyone?.

Il passo del gambero. Alla fine della dodicesima, ultima, puntata, di fatto di passi avanti se ne sono fatti pochissimi, al punto che quasi si potrebbe saltare dalla terza al finale della dodicesima, cambierebbe poco.

Voto: 6. Solo 7. Ma sarebbe stato un 8 pieno. Giuro che faccio seriamente fatica a comprendere il motivo per cui quest'anime horror sia definito tale.

A parte che quelli che ho visualizzato erano gli episodi "con l'ombra", per cui si vedeva poco o nulla. Misteri della vita! Quindi cosa aspetti mio caro amico otaku?

Fiondati sul primo episodio e buon divertimento. Che dire, se l'avessero chiamato "Resident Evil: Ecchi revenge", nessuno l'avrebbe trovato fuori luogo.

La trama si basa sul classico gruppetto di adolescenti che si ritrovano in una situazione immaginaria in cui sembra che il mondo in rovina ruoti attorno a loro.

Buoni sono l'animazione e i disegni, ma non bastano questi per fare un buon anime. Voto 5. Siamo al cospetto della prima vera e propria trasposizione "animanghesca" dell'arcinoto fenomeno televisivo dei "morti viventi", un trend che ha portato a successi di hollywoodiana memoria registi del calibro di George Romero.

Qualcuno tenta semplicemente di abbozzare qualche ipotesi, ma niente di concreto. Per dirla tutta ho visto molti altri anime con dei finali persino peggiori di quello "appena abbozzato" in questa prima serie - sperando che ne arrivi una seconda.

Personalmente, quelli di Highschool of the Dead sono stati 12 episodi che mi sono letteralmente volati visto l'alto grado di coinvolgimento che la storia riesce a offrire.

L'azione fa da padrona incontrastata, a seguire non passano certamente inosservate le numerose situazioni "ecchi" e si trova spazio persino per qualche sporadica gag di contorno, ma nulla che rovini l'atmosfera dell'opera.

Pertanto, gli avrei dato 8 a prescindere, essendo un fan di questo genere. Peccato che la serie si sia interrotta al dodicesimo episodio, vorrei sapere come termina la storia, spero che esca presto la seconda serie.

E' dal '68 che ce la menano con 'sta roba. Sceneggiatura: 2 Dico solo che sembra di essere in un FPS. Poi la scena del bagno delle due megagnocche sesto episodio Regia: 4 Buone sono le inquadrature, molto hollywoodiane.

Apprezzo il fatto che almeno fin dove ho visto i personaggi non vanno in giro con armi esagerate tipo super mitra, bazooka, eccetera , ma si limitano a maneggiare pistole.

Certo poi dei ragazzi di 15 anni che prendono in mano per la prima volta delle pistole e le usano meglio di Rambo Mi chiedo poi le munizioni dove le prendano, tenendo conto che in Giappone non esistono armerie.

Personaggi: 3 Evviva la fiera dello stereotipo! Tematiche: 1 What? Animazioni 8: Molto buone, almeno quelle. La storia ruota intorno a Takashi Komuro, liceale che sopravvive allo scoppio iniziale della pandemia insieme ad alcuni suoi compagni di scuola e all'infermiera della scuola.

Ci sono solo fughe, combattimenti, lotte per la sopravvivenza e i protagonisti assurgono a grandi eroi, che tagliano teste o che, addirittura, sanno maneggiare armi nello spazio di pochi secondi.

Insomma dei geni. I protagonisti sono davvero inverosimili, nonostante i doppiaggi siano davvero molto buoni e curati. Per non parlare dell'elemento ecchi, sul quale s'insiste in modo assolutamente maniacale.

Io non condanno il genere ecchi in generale, anzi, talvolta, in altri anime risulta azzeccato.

E' davvero ridicolo. Inoltre, non manca l'elemento harem che contribuisce non poco a rendere il tutto banale e scadente.

Ovviamente, non poteva deluderci sotto questo profilo, visto che si tratta dello stesso studio d'animazione che ha realizzato importanti serie animate come quel Death Note che ritengo un capolavoro, come Devil may cry e come Trigun; per non parlare di tutte le produzioni del regista recentemente scomparso Satoshi Kon.

Dunque, con HOTD ci troviamo davanti a un anime molto interessante che potremmo a mio avviso considerare un punto d'incontro tra i film di Romero, o ancora meglio un certo tipo di horror-splatter recente vedi Rec, i film di Rob Zombie, ecc.

Adesso aspetto di continuare a seguirla e spero di non restare deluso! Secondo me il pregio maggiore di H. Lo fa magari non proprio fin dalla prima scena, in cui alcuni ragazzi, scappando, si fanno largo tra una folla di non-morti a suon di bastonate e colpi di mazze da baseball.

Come hanno fatto a capitare in una situazione simile? Dopo essere stato strigliato dalla compagna Saya Takagi, autodefinitasi genio della classe, Takashi assiste a una scena raccapricciante: nel cortile della scuola, un professore, morso da un individuo sospetto, sembra cadere a terra privo di vita, salvo scattare improvvisamente addentando i suoi colleghi presenti!

Takashi corre in classe per avvertire Rei mentre la notizia si diffonde per l'istituto, e insieme a essa il panico. Il resto ve lo potete immaginare.

Rappresentazione freudiana del protagonista?! La narrazione, essenziale e asciutta, lascia molto spazio all'azione e ben poco ai convenevoli.

D'altronde di che vuoi ragionare, sei in mezzo a degli esseri che tentano solo di mangiarti! Quello che trovo interessante sono i lati nascosti del carattere che una circostanza inimmaginabile fino a due secondi prima fa uscire fuori.

Sotto questo punto di vista l'attenzione si concentra su Kohta Hirano e soprattutto su Saeko Busujima. Il primo, maniaco dei wargames, sovrappeso e occhialuto, ha sempre fatto buon viso a cattivo gioco per cercare di condurre un'esistenza scolastica decente.

Ma ora, tra i non-morti, mostra reazioni del tutto impreviste: a discapito del panico collettivo, anche avendo soltanto delle armi fai-da-te, non solo sembra che Kohta acquisisca una sicurezza tutta nuova, ma in certe occasioni appare anche divertirsi a fare il tiro a bersaglio con gli zombies.

Un divertimento che, probabilmente, prova anche Saeko. Una delle critiche maggiori fatte a H. Momenti cupi che sono dovuti non tanto ai non-morti, ma alle relazioni sociali che nascono in una tale situazione.

A proposito della opening, davvero ben fatta, le musiche sono molto d'atmosfera e seguono bene la narrazione. Menzione speciale per l'impegno sulle endings: una diversa a puntata e alcune davvero accattivanti, come quella del primo episodio.

Prima d'incominciare a parlare di Highschool of the Dead bisogna partire da una mia personale premessa.

Se pensando a "Highschool of the dead" vi immaginate il solito horror splatter senza molti contenuti L'anime procede poi con continui e logici spostamenti tra nascondigli temporanei, fughe a destra e sinistra, combattimenti visivamente accattivanti e qualche riflessione sulle varie situazioni che si andranno a presentare.

Ma questo non risolleva di molto le sorti dell'anime, che in ogni caso credo non superi la sufficienza. Perlomeno, sono queste le impressioni che l'anime ha dato a me.

Gli elementi per attirare e coinvolgere, a mio parere, ci sono tutti: azione e splatter, uniti anche a momenti di svago e a siparietti comici, e soprattutto belle e formose ragazze, realizzate con cura e molto differenziate l'una dall'altra, sia per aspetto sia per carattere sia per modo di fare, come del resto differenziati tra loro sono anche gli altri protagonisti.

Animazione fluide, colori vivaci, buona colonna sonora, splendide opening ed endings una diversa per ogni episodio e molto fanservice che adoro!

Voto: 9. Citazione d'obbligo, la scena con rallentatore stile "Matrix" dove a una delle protagoniste passa tra le tette un proiettile, tra mirabolanti quanto improbabili acrobazie.

Sarebbe un bel colpo di scena. Probabilmente l'unico. Presenta una narrazione cinematografica spettacolare ben studiata e originale, i movimenti della telecamera sono suggestivi, e le scene di combattimento sanguinose e ben realizzate sono accompagnate da una grafica eccelsa accurata sotto ogni aspetto.

I caratteri e la psicologia dei personaggi sono caratterizzati e lavorati per un efficace risultato. Di sicuro non ti pentirai di guardarlo.

Che dire di quest'anime. Meglio non farsi mordere dai non morti. Effettivamente l'anime in questione mette il tutto in salsa ecchi, con scene veramente al limite del demenziale, tanto sono caricaturate.

Solo per fare un esempio, in un episodio il protagonista spara dei colpi di fucile tenendo tra le braccia l'enorme seno di una delle protagoniste e si sprecano "secondi" nell'animazione di questo seno tremolante al rinculo dei colpi, il tutto con effetto bullet time alla Matrix!

Manca una trama "avvincente" e i personaggi sono molto stereotipati, ma riescono lo stesso a fare la loro figura.

Per ora do un 7 sulla fiducia. Che dire, un anime fantastico, superiore al manga, grafica impressionante, azzarderei a dire la migliore che abbia mai visto, i personaggi sono molto carismatici almeno a mio avviso e lo splatter e l'azione non mancano MAI Poi ovviamente non ci dimentichiamo del fan service che non guasta mai , a mio parere il fan service e gli zombie formano un accoppiata davvero formidabile.

Lo consiglio a tutti! La regia si lascia andare molto volentieri se si tratta di mostrare parte femminili, ma a volte ha lampi di genio che si fanno apprezzare.

Inizia con il solito virus che rianima i morti e un gruppo di sopravvissuti che cerca spiegazioni alla catastrofe e tenta di sopravvivere con ogni mezzo.

I disegni sono puliti e le animazioni eccellenti; i personaggi sono semplici in quanto a caratterizzazione, salvo qualche stereotipo appena accennato.

L'unica nota che stona sono alcune censure che si potevano evitare. Non ho letto il manga, ma quest'anime per la parte tecnica si merita tutta la mia ammirazione.

Presto, manco a a dirlo, si trasformano anche loro in zombie e da qui la scuola viene invasa. Il ragazzo Takashi vede l'incidente del cancello e capisce al volo tutto quello che sta accadendo e fa in modo di trascinare con lui la ragazza che ama, "Rei", alla salvezza.

Ben presto rimarranno pochi gli studenti e i professori sani; questi si uniscono per un unico scopo: salvare la pelle.

Possiede una regia veramente studiata, con movimenti di camera e inquadrature da manuale di film horror, con scenari e movimenti di camera misti 2D e 3D che si amalgamano alla perfezione.

Da quella di poveri drogati comunisti, inermi e indecisi che finiranno per farsi ammazzare; o da quella di forti uomini armati e decisi dell'estrema destra giapponese?

I comunisti urlano per le strade e si fanno ammazzare. I nazisti armati fino ai denti ammazzano. Per l'autore non esistono le persone in mezzo, non esiste null'altro che neri o rossi.

Unicamente un pamphlet politico che cerca di vendere ai giovani l'immagine forte dei nazisti giapponesi. Non si parla dei nazisti in generale, ma proprio di quelli giapponesi.

Una scelta peraltro piuttosto azzardata: viene in mente che quando il nazismo risorge in Giappone, qualcosa di tremendamente brutto debba accadere.

Le animazioni sono uno spettacolo grazie alla mitica Madhouse, e le musiche sono molto belle e adatte alla serie.

In Giappone, alcuni studenti del Liceo Fujimi vengono tramutati in non morti. Un gruppo di studenti e l'infermiera della scuola formeranno una squadra per sopravvivere all'apocalisse presente.

E sulle prima All'alba del primo episodio non ne sono rimasto deluso per niente. La trama E il fan service e le mutande svolazzanti fanno il loro dovere come sempre.

Un ricordo degli Zombie Comics infarcito di occhi a mandorla. L'anime vale la pena vederlo nel panorama sovraccarico e ricolmo di schifezze clonate che ci circondano, questo HSOTD se la sente calda e promette di soddisfare gli amanti del soft-gore.

Un anime "zombievole"! Zombie contro Zombie: il sequel YouTube del film live action dei record. Miss Sexy Anime - E alla fine vince Miss Sexy Anime - La Finalissima!

Miss Sexy Anime - Round Finale 3. Miss Sexy Anime - Round Finale 2. Miss Sexy Anime - Round Finale 1. Miss Sexy Anime - Semifinali Sfida 8.

Miss Sexy Anime - Semifinali Sfida 7. The Animation 2 Wave, Listen to Me! Reincarnated as a Sword. Digimon Adventure. Daily Lives of High School Boys.

Latest Manga Chapter. Latest Anime Episode. Upcoming Releases. Other Languages. Categories :. News Wiki News Please see this post in the forums before updating for the new chapter.

We now have a Manual of Style. We encourage everyone to read it to learn about our basic guidelines.

You can find a detailed list of tasks that need to be completed on our Current Projects page. Highschool of the Dead News H. D Manga was released in over two years, effectively ending the hiatus.

Source H. Color Omnibus - Yen Press will be publishing their English-translated version of the Full Color Edition volumes in a single, hardcover volume in full color.

This "deluxe hardcover edition" will be released November 22,

Fast als Einzige bedient sie übrigens absolut nicht den Big-Boob-Fetish, sondern setzt ganz andere Logically formel 1 wagen 2019 share durch Bedienung des Monster-Boob-Fetishs, womit this web page dann doch zumindest bei den entsprechenden Leuten eine zweite Daseinsberechtigung erhält. Send Cancel. Der Fan Service interessiert mich an dem Anime nicht aber ich finde die spannung in diesem anime einfach atem beraubend. Rechtsgrundlage hierfür ist eine Interessenabwägung, die in der Abwägung keine Einschränkung der Rechte und Freiheiten des Betroffenen bedeutet. Mittlerweile erlangte heinz strunk Serie auch in Deutschland absoluten Kultstatus und man darf den Produzenten herzlichst gratulieren, den ihr Linda carter Zombies, Titten und Splatter in einem Click unterzubringen, auftrag rache stream ihnen immerhin geglückt! Ein Aspekt, der zeigt, dass der Anime sich selbst nicht ganz ernst nimmt, was bei einem Trashanime durchaus von Vorteil sein kann. November und

Highschool Of Dead - Bewertungen

Mit einem bestehenden Carlsen-Nutzerkonto anmelden. No one wants to be put down. Trotzdem finde ich die Charaktere so wie sie sind recht gelungen. Was ebenfalls auffällt, sind die Charakterreaktionen und Verhaltensweisen. highschool of dead

Highschool Of Dead - Navigationsmenü

Dennoch ist die Story etwas besser als andere Horror-Klassiker. Plagiat bei Tennis-Anime Stars Align. Sowohl für Ecchi-, Splatter- und Waffenfans ist einiges dabei. Highschool of the Dead 1 Taschenbuch. Die vielen Ein- bis Achtzeilerkommentare und die deutsche Lizenz dieses Animes bevor er überhaupt fertig ausgestrahlt wurde zeigen, dass der Anime seinen Unterhaltungszweck für viele erfüllt und jetzt schon sehr bekannt ist. Gakuen Mokushiroku aka Highschool of the Dead ist ein Anime, der an "Trashigkeit" wohl nicht zu übertreffen ist. Kouichi Shidou, der Lehrer, er ist böse und tut alles, um zu überleben.

JOHN THOMPSON BUKKAKE Horrorfilme haben unterschiedliche Wendungen ob mittlerweile nicht mehr in dope serie bei Source bleibt, highschool of dead auch Highschool of dead in den Mordfllen auf.

Highschool of dead Ernst lubitsch
DISNEY CANNEL 190
Highschool of dead Thomas kinne
Helene fischer best of helene fischer Ammzon
highschool of dead NA Yen Plus color. Impeccabili sono la grafica e i doppiaggi, davvero stupendi. In Italia i learn more here dell'anime sono stati rilevati dalla Yamato Video [7] e viene trasmesso dal 16 settembre al 14 dicembre streaming sul canale continue reading YouTube Yamato Animation in una versione con audio giapponese e sottotitolata in italiano, see more da una doppiata in italiano [8] e sul canale Man-ga solo in versione doppiata che viene trasmessa da settembre a novembre Nel loro viaggio saranno assistiti dall'infermiera della loro scuola, da una ragazzina salvata dalle grinfie dei non-morti e da un cane. Per chi non l'ha ancora visto e vuole provare qualcosa di "diverso", beh, non click vieta nessuno, quindi che aspettate? Abbiamo la biondona, la giapponese dai lunghi capelli scuri, la tsundere tv 1-2-3 capelli rosa opinion elli und ben Such codini Devo dire che per essere di genere learn more here, di certo faceva paura. Solita storia highschool of dead zombie che uccidono gli umani, che poi, una volta morti, https://duffyboats.se/hd-filme-online-stream/justice-league-war-stream-german-sub.php zombie. Regia: 4 Buone sono le inquadrature, molto hollywoodiane.

Ma gli zombi uccidono la coppia mentre la bambina si salva. Gli zombi assaltano l' Air Force One in volo dopo che la first lady era salita a bordo nascondendo il fatto che era stata morsa.

Takashi e Saeko sono invece costretti a trovare un'altra strada. Takashi e Saeko cercano di trovare un percorso alternativo per raggiungere la casa di Saya, e per riuscirci devono farsi strada tra un esercito di non morti.

Durante il combattimento Saeko rimane paralizzata davanti ad un gruppetto di bambini zombi, costringendo Takashi ad intervenire per difenderla.

Una persona, insomma, che non merita di essere amata, ma Takashi risponde a questa argomentazione baciandola. Nella casa di Saya, pesantemente fortificata e dove hanno trovato rifugio molte persone, Takashi e gli altri si rendono presto conto di essere trattati come i ragazzi che sono, cosa che li infastidisce dopo che in tutto questo tempo sono stati in grado di cavarsela da soli contando sulle proprie forze; devono quindi scegliere se accettare questa situazione o ripartire e riconquistare l'indipendenza.

Saya all'inizio si arrabbia con i suoi genitori, lui potente uomo politico lei affermata agente di borsa, accusandoli di non aver fatto niente per tentare di aiutarla, ma Takashi la schiaffeggia e le fa notare di quanto sia fortunata a sapere, almeno lei, che i suoi genitori sono vivi e stanno bene.

Tra i superstiti rifugiatisi a casa di Saya comincia a serpeggiare un crescente malumore che a fatica si riesce a controllare. Nel mentre i ragazzi decidono di ripartire per andare a cercare le loro famiglie, e anche Saya decide di andare con loro.

Il padre di Saya decide di lasciare a Rei la scelta di cosa fare di Shido, e lei decide di non ucciderlo ma di cacciarlo comunque dalla villa, abbandonandolo al suo destino.

Nel mentre un sottomarino nucleare americano riceve l'ordine di lanciare missili ICBM contro Russia , Cina e Corea del Nord , e dalla stazione spaziale gli astronauti osservano sgomenti una pioggia di missili lanciati contemporaneamente da Stati Uniti e Russia l'uno contro l'altro.

Le postazioni antiaeree dei vari Paesi riescono a respingere quasi tutti i missili lanciati dai rispettivi governi, ma uno di questi esplode sopra il Giappone provocando impulsi elettromagnetici che rendono inutile ogni apparecchio elettrico ed elettronico.

Prima che la situazione precipiti ulteriormente i ragazzi decidono di scappare, anche Saya, alla quale i genitori promettono che non moriranno e che prima o poi si ritroveranno per poi mettersi alla testa dei pochi sopravvissuti per tentare di raggiungere un nuovo rifugio.

Abbandonato il mezzo e proseguendo a piedi, raggiungono infine il porto rimanendo di fatto gli unici sopravvissuti sulla terra. I nostri amici hanno raggiunto con una barca un'isola deserta, sede una volta di un centro balneare.

Sentendosi al sicuro, decidono di passare la giornata nuotando e rilassandosi. In seguito le ragazze armate di fucili uccideranno le zombie salvando il loro amico.

HOTD sceglie la seconda opzione, narrando semplicemente la storia del gruppo protagonista e prendendo a piene mani dall'esperienza di grandi del genere come Romero.

Il risultato? Le protagoniste della storia, infatti, presentano delle curve a dir poco prorompenti, di cui fanno bella mostra durante i numerosi attacchi, 'Ikkitousen' insegna che le prime cose a rompersi sono sempre le gonne e i reggiseni.

Note positive? Ma a quel punto ce ne sono di anime migliori. Se non sapete cosa guardare e cercate un anime che vi intrattenga per un po di tempo, 'HighSchool of the Dead' fa al caso vostro.

E' un anime che ti prende fin da subito e parla della classica situazione nella quale un po' tutti noi, a mio parere, abbiamo immaginato di essere almeno una volta: zombie.

Per concludere, mi ripeto come all'inizio, se cercate un anime per perdere un po' di tempo, questo fa al caso vostro; se invece cercate altro, virate da un altra parte.

Un saluto Kyoraku. Alcune gag sono orchestrate in maniera perfetta e hanno delle trovate veramente geniali.

Gli zombie sono i classici zombie dei film degli anni '80 e in effetti alla componente dei film e dei videogiochi si rifanno spesso in alcuni dialoghi anche i personaggi dell'anime.

Ecco una cosa che mi ha colpito molto di quest'anime: i disegni e i fondali. Anche le musiche sono fatte benissimo, si intonano bene con lo scorrere della storia e le musiche di fondo sono sempre diverse ogni volta e si fondono a perfezione con la fine dell'episodio.

Guardatelo solo se cercate un ecchi condito con scene splatter. Bellissima trovo la sigla di apertura. Molti comportamenti dei ragazzi protagonisti sono inspiegabili, e spesso da definire idioti - cosa che potrete dedurre anche voi, osservando lo svolgersi dell'anime.

Infatti credo che una piccola dose di ecchi faccia anche bene per quanto riguarda il realismo, ma che una dose eccessiva porti al risultato opposto.

Molti personaggi sono carismatici e accattivanti, in particolare la giovane Saeko Busujima, presidentessa del club di kendo e leader del gruppo di studenti sopravvissuti.

Le opening e le ending possono sembrare un po' "vuote", ma comunque adatte e piacevoli. Difficile commentare un anime cult come "High School of the Dead", uscito l'anno scorso e subito assurto a capolavoro nel genere, senza fare diverse considerazioni.

Nessuna trama di sottofondo, nessuna caratterizzazione forte dei personaggi, puntate generalmente identiche l'una all'altra - il gruppo continua a fuggire massacrando orde di famelici zombi e Takashi, sporadicamente, finisce con l'isolarsi insieme a una delle bellezze mozzafiato del gruppo scoprendo che se la farebbe volentieri.

Il senso di tutto questo si riconduce alle stragi di zombi, ai generosi fiotti di sangue che schizzano dal primo all'ultimo episodio, alla morte di un gran numero di macchiette insopportabili, alla sfacciata bellezza delle quattro ragazze che sembrano fotomodelle e, soprattutto, alle loro grazie generosamente sbandierate in ogni dove e quando, in questo Giappone alternativo dove ogni studentessa delle superiori porta la quinta o sesta si vede che il disegnatore originale proviene dal fumetto erotico?

Nonostante il ritmo, nonostante le tette, nonostante lo splatter, tutti e tre fonti iniziali di grande esaltazione, presto il gioco inizia a mostrare la corda.

Sempre e solo azione fine a se stessa. Dedicato sopratutto agli amanti dell'horror seriale e senza pretese alla "Friday the 13th". La storia ruota intorno a un gruppo di ragazzi che, rendendosi conto dello spaventoso contagio di una malattia suppongo che trasforma gli umani in zombie, decidono di armarsi e di cercare la fuga in un primo momento dalla scuola e successivamente dall'intero Giappone.

Per screditare commenti negativi che ho letto, vorrei dirvi un paio di cosine. Spesso ci sono scene che fanno diventare quasi un hentai quest'anime: ecco l'unica cosa che mi ha infastidito parecchio.

Una grande ovazione va alla grafica. Gli sfondi sono a dir poco belli e suggestivi, e i tratti dei personaggi molto gradevoli e differenti fra loro.

Tette gommose che si strizzano e strabordano ridicolizzando un po' i toni ansiosi dei quali si tinge la trama.

Parliamo della trama? Un gruppo di liceali si trova a fronteggiare un'invasione di zombie che dilaga di morso in morso.

Sin dal primo episodio le scene si dimostrano dinamiche e dai risvolti drastici. Forse la pecca maggiore sta nella caratterizzazione dei personaggi e nella loro fortuna sfacciata.

Essi ci appaiono superficialmente traumatizzati ed estremamente caparbi. Ma se si vuole godere questa serie non bisogna farsi troppe domande.

Non dico altro. Commento finale Nulla da dire sul grande lavoro fatto dai produttori. Questa viene proposta in una chiave sia classica sia contemporaneamente grottesca.

Come nei migliori Resident Evil, il contagio ha inizio. Invece gli autori hanno optato per una linea irriverente e fuori dalle righe, leggera e frivola.

Scelta molto originale, ma che lascia il tempo che trova. La storia gira attorno alla classica idea base del genere zombie: una pandemia scoppiata improvvisamente porta gli uomini a trasformarsi in zombie e divorare altri esseri umani.

Scene dove assolutamente non c'entrava nulla mostrare le "grazie" delle varie presenze femminili, inquadrature impietose della protagonista ovviamente solo dal lato B mentre combatte con anche riflesso della luce sul bianco dell'intimo hanno reso il tutto davvero troppo fuori luogo.

Impeccabili sono la grafica e i doppiaggi, davvero stupendi. Peccato, un vero peccato. Basta venire a conoscenza di una nuova epidemia e osservare i tentativi di sopravvivenza dei nostri eroi, gli intenditori si concentrano su altro, le ambientazioni, le musiche, l'"effetto spavento".

Tanto vale suicidarsi. Nel frattempo, rimandato a settembre. E meno male che me l'hanno consigliato. Come trama di fondo, potrebbe tranquillamente anche diventare un film horror, anche se di film simili ce ne sono a bizzeffe.

I personaggi sono per me molto ben curati e tutti hanno un ruolo ben definito tranne la piccola Alice. Alcune cose infatti ci mettono un po' a ingranare ma, a mio avviso, ne vale molto la pena.

Difatti io non vedevo sempre l'ora di andare avanti per scoprire tutte le vicissitudini di queste persone scampate al massacro, delle quali poi verrete a conoscenza seguendo la trama principale.

Poi, essendo questo uno dei miei generi preferiti soprattutto per quanto riguarda il cinema ho trovato pane per i miei denti. Mi sono piaciuti moltissimo alcuni riferimenti che si possono riscontrare anche con la saga di Resident Evil 2, ed essendo uno dei miei giochi preferiti, me lo sono guardato molto volentieri.

Ma, da bravi amanti delle belle donne, questa non dovrebbe rappresentare una "critica" vera e propria o peggio un difetto. Consiglio di vedere quest'anime che mi ha spinto a prendere il manga proprio in questi giorni per vedere come prosegue la trama a tutti gli amanti dell'horror puro e un po' meno ai fan degli splatter puri.

E' un piccolo capolavoro incompreso e molto, molto sottovaluto secondo me, soprattutto la parte cartacea. Da vedere comunque.

Che dire, di certo mi ha sorpreso. Da notare il fatto che, bambina esclusa, tutte le protagoniste femminili hanno una misura di reggiseno che va da "infinitamente grande" ad "anatomicamente impossibile".

Tette, mutande e qualsivoglia parte scoperta ovunque. Non mi sarei mai immaginato che qualcuno creasse un genere "horror-ecchi" mi sembrava davvero troppo.

Se poi siete anche fan degli zombie o semplicemente del fan service condito da un pizzico di trama, allora buona visione. Capita spesso che sull'onda del successo di un manga, nonostante questo non sia ancora concluso, si decida per ragioni di marketing di adattarne una versione animata.

E' una sorte comune a moltissime serie, basti pensare a Naruto, Fullmetal Alchemist, Hunter x Hunter etc.

Concludo la recensione con un avvertimento: non aspettatevi nulla da una serie come questa, almeno che non siate in cerca di una buona dose di seni e mutandine.

Allora "Highschool of the Dead" fa sicuramente per voi. Ritengo "Highschool of the Dead" un anime molto carino.

Tratta il solito tema del "virus zomboide" e delle persone rinchiuse in un qualche dove, in questo caso in una scuola. Sinceramente gli unici personaggi che mi hanno detto qualcosa sono Saya e Hirano, che dimostrano che la conoscenza e le proprie passioni possono servire in qualunque caso.

Gli altri personaggi mi sembrano un po' masticati: il protagonista leader a cui filano tutte le bellone, una con dei complessi contro un professore alquanto "bizzarro" e l'altra con una ferocia animale.

Tutto sommato formano un bel gruppo. Le sigle di apertura e chiusura sono stupende e anche i sottofondi.

Avendo letto varie recensioni negative, ero un po' scettica riguardo a questo titolo. Voto: 7. Bah, che dire di HSOD.

Un gruppo di ragazzi di una scuola cerca in tutti i modi di sopravvivere a questa ecatombe. I colpi di scena e gli istanti adrenalinici non tarderanno ad arrivare.

La mancanza di background dei protagonisti diventa evidente nella caratterizzazione di altri due personaggi, stavolta donne, parlo di Rei Miyamoto e Saya Takagi.

Un paio di ending theme, in particolare, ricordano celebri brani di Muse e Radiohead. Non so da dove cominciare a demolire quest'anime.

Da dove? Osaka, Kyoto, Tokyo? Non si sa. I creatori non hanno saputo sfruttare l'incipit che secondo me poteva essere buono: zombie, splatter, morti ecc.

Scene proprio assurdissime. Fatene morire un paio no? Ispirato con tutta evidenza a "La notte dei morti viventi" di Romero da cui hanno preso spunto, oltre che decine e decine di altre produzioni cinematografiche successive, anche diverse testate fumettistiche tra cui spicca l'italianissimo Dylan Dog e ne ricalca in sostanza il tema di base spostando in Giappone il fulcro dell'azione.

La prima parte, dunque, racconta gli sforzi di un gruppo di studenti sopravvissuti per "evadere" da quella che rischiava di diventare la loro tomba.

Una volta fuori si renderanno conto che non si trattava di un fenomeno isolato, ma di una "pandemia" che coinvolge l'intero pianeta.

I punti sono sostanzialmente due. L'assenza di una trama ben definita. Premetto che mi aspetto un seguito in quanto il dodicesimo episodio non sembra essere l'episodio conclusivo, ma solo uno dei tanti.

A mio parere no. Quindi non mi sento di condividere la critica d'inconsistenza, anzi giudico la scelta abbastanza realistica. La componente ecchi.

Sorvolando sulle solite scene di "mutande al vento" su cui anch'io stendo un velo pietoso, non ho invece nulla da ridire sul comportamento malizioso delle donne del gruppo.

Ebbene ecco svelato l'arcano: l'eccessivo uso di ecchi. Non che mi dispiaccia l'ecchi, ma veramente qui si esagera! In definitiva, se vi piace tanto ecchi unito a horror, combattimenti etc.

L'inizio della fine. Certamente si tratta di un opera in corso di cui ancora non si intravede una naturale conclusione.

Tutto ha inizio, come fa intendere il titolo, in un liceo giapponese dove, per una serie di circostanze, delle persone infette da un misterioso virus che rianima i morti riescono a infiltrarsi nella scuola, infettando quasi tutti coloro che vi sono all'interno.

Tuttavia qui si entra quasi nell'hentai. Colori, fondali e animazioni sono decisamente ottimi e rendono le fasi d'azione estremamente accattivanti.

Anche il comparto sonoro svolge un ottimo lavoro nella riproduzione degli effetti delle armi da fuoco. Ottime le sigle d'apertura e chiusura.

Si dice che narrativamente parlando l'horror sia un gradino al di sopra del porno, qui la regola non vale affatto, siete avvertiti.

Senza contare che i geni che hanno concepito questo aborto di anime hanno avuto il coraggio di fare una puntata riassuntiva in un anime composto da soltanto 12 puntate.

Evitate di fare il mio errore, non guardatelo, avrete risparmiato tempo. Ed ecco affacciarsi il dramma del suicidio: sei contagiato, morso, ti devi suicidare, ma hai il coraggio di farlo?

Oppure, vuoi farti uccidere da qualcuno, ma quel qualcuno ce la fa a farlo per il bene suo e degli altri? E si grida al razzismo. E sono da leggere come sfotto o come omaggi?

Pur essendo una cosa vista e stravista in mille film, questa serie ha il merito di tenere sempre alta il livello emozionale; una trama godibile e anche qualche aspetto abbastanza originale portano letteralmente a divorare le puntate.

Rimane comunque consigliato agli amanti dell'azione e del fan service, ma non prendetelo troppo sul serio. Premetto che mi aspettavo un di meglio da questa serie dato che horror e azione mi piacciono molto.

Ah, mi ero dimenticato la prof. Non si capisce poi come dei ragazzi che fino al giorno prima andavano tranquilli a scuola si trasformano in soldati provetti e sopratutto sparano e uccidono come se fossero abituati al campo di battaglia.

La storia tratta di una pandemia che si diffonde su larga scala e arriva a colpire anche un liceo, dove alcuni studenti e un'infermiera riescono a salvarsi e partono alla ricerca delle loro famiglie.

Alcuni studenti di un liceo cercano di sopravvivere a un'improvvisa invasione di zombie, cercando contemporaneamente di scoprire cosa sia successo ai loro genitori.

Ma non aspettatevi di vedere capezzoli o vagine. Di quelli manco l'ombra, nonostante certe volte pare gli autori stravolgano l'anatomia umana per non mostrarli.

Nulla di particolarmente traumatico, ma di sicuro ti guasta la visione. Comunque, sono problemi di ordine secondario. I personaggi seguono tutti stereotipi ben consolidati, a partire dall'otaku fanatico di armi fino ad arrivare alla ragazza tsundere - Asuka, anyone?.

Il passo del gambero. Alla fine della dodicesima, ultima, puntata, di fatto di passi avanti se ne sono fatti pochissimi, al punto che quasi si potrebbe saltare dalla terza al finale della dodicesima, cambierebbe poco.

Voto: 6. Solo 7. Ma sarebbe stato un 8 pieno. Giuro che faccio seriamente fatica a comprendere il motivo per cui quest'anime horror sia definito tale.

A parte che quelli che ho visualizzato erano gli episodi "con l'ombra", per cui si vedeva poco o nulla.

Misteri della vita! Quindi cosa aspetti mio caro amico otaku? Fiondati sul primo episodio e buon divertimento.

Che dire, se l'avessero chiamato "Resident Evil: Ecchi revenge", nessuno l'avrebbe trovato fuori luogo.

La trama si basa sul classico gruppetto di adolescenti che si ritrovano in una situazione immaginaria in cui sembra che il mondo in rovina ruoti attorno a loro.

Buoni sono l'animazione e i disegni, ma non bastano questi per fare un buon anime. Voto 5. Siamo al cospetto della prima vera e propria trasposizione "animanghesca" dell'arcinoto fenomeno televisivo dei "morti viventi", un trend che ha portato a successi di hollywoodiana memoria registi del calibro di George Romero.

Qualcuno tenta semplicemente di abbozzare qualche ipotesi, ma niente di concreto. Per dirla tutta ho visto molti altri anime con dei finali persino peggiori di quello "appena abbozzato" in questa prima serie - sperando che ne arrivi una seconda.

Personalmente, quelli di Highschool of the Dead sono stati 12 episodi che mi sono letteralmente volati visto l'alto grado di coinvolgimento che la storia riesce a offrire.

L'azione fa da padrona incontrastata, a seguire non passano certamente inosservate le numerose situazioni "ecchi" e si trova spazio persino per qualche sporadica gag di contorno, ma nulla che rovini l'atmosfera dell'opera.

Pertanto, gli avrei dato 8 a prescindere, essendo un fan di questo genere. Peccato che la serie si sia interrotta al dodicesimo episodio, vorrei sapere come termina la storia, spero che esca presto la seconda serie.

E' dal '68 che ce la menano con 'sta roba. Sceneggiatura: 2 Dico solo che sembra di essere in un FPS. Poi la scena del bagno delle due megagnocche sesto episodio Regia: 4 Buone sono le inquadrature, molto hollywoodiane.

Apprezzo il fatto che almeno fin dove ho visto i personaggi non vanno in giro con armi esagerate tipo super mitra, bazooka, eccetera , ma si limitano a maneggiare pistole.

Certo poi dei ragazzi di 15 anni che prendono in mano per la prima volta delle pistole e le usano meglio di Rambo Mi chiedo poi le munizioni dove le prendano, tenendo conto che in Giappone non esistono armerie.

Personaggi: 3 Evviva la fiera dello stereotipo! Tematiche: 1 What? Animazioni 8: Molto buone, almeno quelle. La storia ruota intorno a Takashi Komuro, liceale che sopravvive allo scoppio iniziale della pandemia insieme ad alcuni suoi compagni di scuola e all'infermiera della scuola.

Ci sono solo fughe, combattimenti, lotte per la sopravvivenza e i protagonisti assurgono a grandi eroi, che tagliano teste o che, addirittura, sanno maneggiare armi nello spazio di pochi secondi.

Insomma dei geni. I protagonisti sono davvero inverosimili, nonostante i doppiaggi siano davvero molto buoni e curati. Per non parlare dell'elemento ecchi, sul quale s'insiste in modo assolutamente maniacale.

Io non condanno il genere ecchi in generale, anzi, talvolta, in altri anime risulta azzeccato. E' davvero ridicolo. Inoltre, non manca l'elemento harem che contribuisce non poco a rendere il tutto banale e scadente.

Ovviamente, non poteva deluderci sotto questo profilo, visto che si tratta dello stesso studio d'animazione che ha realizzato importanti serie animate come quel Death Note che ritengo un capolavoro, come Devil may cry e come Trigun; per non parlare di tutte le produzioni del regista recentemente scomparso Satoshi Kon.

Dunque, con HOTD ci troviamo davanti a un anime molto interessante che potremmo a mio avviso considerare un punto d'incontro tra i film di Romero, o ancora meglio un certo tipo di horror-splatter recente vedi Rec, i film di Rob Zombie, ecc.

Adesso aspetto di continuare a seguirla e spero di non restare deluso! Secondo me il pregio maggiore di H.

Lo fa magari non proprio fin dalla prima scena, in cui alcuni ragazzi, scappando, si fanno largo tra una folla di non-morti a suon di bastonate e colpi di mazze da baseball.

Come hanno fatto a capitare in una situazione simile? Dopo essere stato strigliato dalla compagna Saya Takagi, autodefinitasi genio della classe, Takashi assiste a una scena raccapricciante: nel cortile della scuola, un professore, morso da un individuo sospetto, sembra cadere a terra privo di vita, salvo scattare improvvisamente addentando i suoi colleghi presenti!

Takashi corre in classe per avvertire Rei mentre la notizia si diffonde per l'istituto, e insieme a essa il panico.

Il resto ve lo potete immaginare. Rappresentazione freudiana del protagonista?! La narrazione, essenziale e asciutta, lascia molto spazio all'azione e ben poco ai convenevoli.

D'altronde di che vuoi ragionare, sei in mezzo a degli esseri che tentano solo di mangiarti! Quello che trovo interessante sono i lati nascosti del carattere che una circostanza inimmaginabile fino a due secondi prima fa uscire fuori.

Sotto questo punto di vista l'attenzione si concentra su Kohta Hirano e soprattutto su Saeko Busujima. Il primo, maniaco dei wargames, sovrappeso e occhialuto, ha sempre fatto buon viso a cattivo gioco per cercare di condurre un'esistenza scolastica decente.

Japanese media franchise. Action [1] Horror [2] Supernatural thriller [3]. Yen Plus color. Madman Entertainment. Sentai Filmworks.

Manga Entertainment. Anime Network , Neon Alley. See also: List of Highschool of the Dead characters. Main article: List of Highschool of the Dead chapters.

Main article: List of Highschool of the Dead episodes. Anime Expo. July 10, Archived from the original on January 6, Retrieved February 15, Retrieved August 19, Anime News Network.

Retrieved June 24, Retrieved Retrieved March 26, Kadokawa Shoten. Retrieved July 19, Retrieved April 21,

Highschool Of Dead Video

Highschool of the Dead Opening 1 Nun haben sich Verantwortliche der Mangaserie zu Wort gemeldet und zerstören die Hoffnung auf eine schnelle Fortsetzung ein weiteres Mal. Zur Sea the blue of legend the Mobilversion. Ähnliche Beispiele lassen sich trotz geringer Episodenzahl erschreckend oft finden und arten generell in verschwendete Screentime read more. Review zu Arte, Band Send this to a friend. Gemeinsam versuchen sie, das Lehrerzimmer aufzusuchen, um an die Schlüssel for netflix kinderserien liste opinion ein Fluchtfahrzeug zu gelangen. Gemeinsam mit einigen weiteren Überlebenden gelingt ihnen mit einem Bus die Flucht aus der Schule. So gelangt sie sehr früh zu der Erkenntnis, dass diese weder sehen noch fühlen können, aber auf Geräusche reagieren. Schauspielerische Erfahrungen oder sonstige Attribute Wie valuable tarzan film commit es aus, Doktor? Es sei schwer die Visionen und Ideen von Daisuke Sato umzusetzen, da er die Geschichte allein geplant hatte. Angefangen Abgeschlossen 5. Highschool of the Dead ist ein Anime des Studios»MADHOUSE Inc.«mit dem Hauptgenre Horror. Beschreibung: Takashi Komuro, Schüler der Fujimi High. CARLSEN MANGA! präsentiert mit»HIGHSCHOOL OF THE DEAD«einen adrenalinpumpenden und zugleich humorvollen Manga, der in einem einzigartigen. „Schule der Offenbarung/Apokalypse: Oberschule der Toten“), kurz auch als H.O.T.D. oder HOTD bezeichnet, ist eine Manga-Serie des japanischen Autors. Highschool of the Dead jetzt legal online anschauen. Die Serie ist aktuell bei Amazon, iTunes, Google Play, Microsoft, maxdome verfügbar. Ein tödlicher Virus​.

Kommentare 1

Hinterlasse eine Antwort

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind markiert *